Come fare reteMarketing relazionaleSuccesso

Fare networking è una cosa seria!

La settimana scorsa sono stata invitata a parlare ad una riunione della Rete al Femminile di Torino per parlare di networking.

Se ignori cosa sia Rete al Femminile ti riporto la loro mission:

Rete al femminile è un’Associazione di imprenditrici, freelance e lavoratrici autonome di tutta Italia. Gli obiettivi principali sono fare networking, creare collaborazioni e scambiarsi informazioni ed esperienze utili in ambito lavorativo.

Da questo puoi comprendere come la mia specializzazione nel creare eventi di networking possa essere di loro interesse. Ho partecipato alla mia prima riunione in maggio e ho compreso che la mia competenza specifica poteva essere d’aiuto. Nei miei molti anni di collaborazione con associazioni imprenditoriali ho notato quanto sia difficile coinvolgere gli associati nella partecipazione attiva, soprattutto nel costruire relazioni con chi è iscritto alla stessa rete.

So che sembra un controsenso: se si appartiene alla stessa organizzazione vuol dire che se ne condividono i valori, gli scopi e questo dovrebbe avvicinare le persone. Inoltre la maggior parte degli imprenditori e dei professionisti afferma che il passaparola rappresenta un veicolo importante, a volte l’unico, di nuovi clienti e quindi perché non utilizzare una rete a cui già si appartiene?

Ho compreso che il “peccato originale” nasce da una consapevolezza che pochi possiedono: il networking è una strategia di marketing e, in quanto tale, è una cosa seria!

Come puoi applicare questa strategia al tuo business? Seguendo i punti fondamentali: analisi, programmazione, azione, revisione.

  • Analizza il contesto
    • Quando partecipi a un evento di networking chiediti che tipo di persone incontrerai: sono i tuoi potenziali clienti? Sono il tramite per i tuoi clienti? Sono tuoi concorrenti?
  • Programma le tue azioni
    • Se sai che potresti incontrare una serie di potenziali clienti ricorda che fare networking vuol dire fare rete, costruire relazioni ed evita di piazzare il tuo biglietto da visita a tutti quelli che incontra. Cerca di interessar con un messaggio breve e se la persona è ricettiva fissa un appuntamento per incontrarvi e approfondire la conoscenza.
    • Se chi incontrerai può essere una persona con cui collaborare cerca di capire se serve il tuo stesso tipo di clienti e, anche in questo caso, fissa un appuntamento per approfondire.
    • Se partecipi a un evento della tua categoria, dove può succedere che ci siano molti concorrenti. Ti invito a capire chi serve clienti diversi dai tuoi, magari quelli che con cui tu ti trovi poco a tuo agio: approfondire la conoscenza con queste persone può voler dire avere qualcuno cui inviare clienti e che può ricambiare.
    • Definisci un obiettivo: conoscere 5 persone, fissare 3 appuntamenti per esempio.
  • Agisci
    • Quando sei all’evento rispetta l’obiettivo che ti sei dato: se era di conoscere 5 persone e fissare 3 appuntamenti resta fino a quando lo hai raggiunto.
    • Fai il follow up: scrivi entro 48 ore e incontra entro 30 giorni chi hai conosciuto all’evento.
  • Com’è andata?
    • Alla fine del ciclo, e prima di una partecipazione a un altro evento di networking, fai un’analisi di com’è andata. Cosa ti è riuscito semplice, su cosa hai mancato, dove puoi migliorare e dove sei stato un grande. Apprendi e applica!

Ricorda che l’incontro a un evento di networking è il primo mattone di una casa che rappresenta una nuova relazione: quanto sarà solida dipende da te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *