Successo

3 Ragioni per perseverare e ottenere la vittoria

Chi non si allena non merita di vincere

Il 14 settembre 1886 venne depositato il brevetto della macchina da scrivere, un oggetto rivoluzionario che divenne pane quotidiano per legioni di segretarie.

Per chi è nato verso la fine degli anni ’60, l’abilità di dattilografare in modo veloce e corretto era imprescindibile. A metà degli anni ’80 una delle scuole professionali più gettonate era l’Istituto Tecnico Commerciale, Ragioneria per capirci. Anche io sono incappata in quella strada, i miei genitori avevano due aziende e quindi era naturale che io seguissi le loro tracce. Così venne il momento del primo compito in classe di dattilografia e presi… 4 (anzi, forse anche meno, ma è un ricordo che ho cercato di cancellare!). Fu un dramma. A casa mia un voto del genere non era ammesso.

Mio padre tirò fuori una macchina da scrivere Olivetti, con i tasti tondi neri in metallo e mia madre mi disse: “Esercitati!”. Il mio primo pensiero? “Che palle!”.

Poi un po’ il loro gentile sprone, un po’ il fastidio di non prendere un bel voto, la mia “nuova” macchina da scrivere e io cercammo di capire insieme come fare. Più o meno ottobre 1983… Duranmania!! Ogni giorno, scendendo dal pullman e percorrendo la strada che mi portava a casa, passavo davanti a un’edicola e con i soldi della paga settimanale cercavo riviste che parlassero dei Duran Duran e pensai… che diavolo scrivo per fare esercizio? Gli articoli dei miei beniamini! E così feci, ogni giorno copiavo gli articoli, ritagliavo le foto e le attaccavo, e mi creai un dossier bellissimo con i testi delle canzoni, con le interviste.

Nuovo compito di dattilografia. Voto… 9!

Questa esperienza mi ha insegnato le ragioni per cui io persevero quando voglio raggiungere un obiettivo:

  1. Definire lo standard, io mi accontento solo quando il lavoro è fatto al meglio, quando il livello della mia formazione o consulenza aiuta davvero le persone.
  2. Fino a quel momento persevero, miglioro, lavoro duramente perché è l’unico modo per raggiungere l’eccellenza.
  3. Godersi il risultato, è fondamentale premiarsi perché questo è il segreto per avere le energie da inserire in un nuovo progetto.

Quale che sia l’attività in cui vuoi eccellere: persevera e otterrai il successo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *